Giudici conciliatori

ARCHIVIO DI STATO  DI PESCARA

FONDI DEGLI UFFICI GIUDIZIARI

RESTAURAZIONE (1815-1860)

GIUDICI CONCILIATORI DI: Tocco da Causauria (1983-1994),regg. 3, fascc. 7, Brittoli (1926-1996), regg. 5, fascc.3.

Mezzi di corredo: elenco di versamento

I giudici conciliatori erano assegnati a ciascun Comune e nominati dal re su proposta del decurionato. Le attribuzioni, secondo la legge 29 maggio 1817 n. 727, consistevano nel conciliare le controversie tra gli abitanti del Comune essi avevano competenza in materia civile ed erano giudici onorari.
L’ufficio di Conciliazione è stato soppresso a seguito della emanazione della legge 21 novembre 1991, n.374 che ha previsto nei comuni capoluogo di mandamento l’istituzione dei giudici di pace.
L’Archivio ha provveduto a censire tutta la documentazione, prodotta dagli ex uffici di conciliazione esistenti nei comuni della provincia, per facilitare il versamento, ai sensi della legge archivistica 30 settembre 1963, n.1409 art.24.
I documenti versati riguardano i registri delle sentenze conciliate, registri delle udienze, atti accessori all’udienze.